Provincia della “Morte e Risurrezione del Signore”

Israele, Palestina, Giordania e Siria

Il nome della Provincia si riferisce al mistero centrale della nostra redenzione e al fatto che, nel suo territorio, ci sono i luoghi santi dove il Verbo si fece carne, visse, morì, risorse e ascese al Cielo. La Provincia è sotto la protezione della Madonna del Monte di Anjara, un santuario amministrato dall'Istituto in Giordania.

P. Buela lesse una drammatica richiesta di aiuto da parte del patriarca latino di Gerusalemme, Michel Sabah, riguardo ai cristiani in Medio Oriente. Alcuni sacerdoti dell'Istituto s'incontrarono con il patriarca Sabah durante un periodo di studi biblici a Gerusalemme, e discussero la possibilità di aiutare in Terra Santa.

Quando P. Marcelo Gallardo arrivò in questa terra il 25 agosto 1993, iniziò la nostra missione nel seminario del Patriarcato Latino di Gerusalemme. La presenza dell'Istituto in seminario ha favorito l'inculturazione nel Patriarcato e nel mondo arabo in generale e ora, grazie a Dio, abbiamo la nostra propria scuola di arabo ad Alessandria (Egitto).
Nel 1995 i padri Tristan Perez e Carlos Pereira iniziarono la missione in Egitto, aiutando nel seminario francescano e studiando l'arabo.

Il 1 ° ottobre 1995 la SSVM arrivarono nella provincia, studiarono la lingua e cominciarono ad aiutare nelle opere di misericordia, come la casa "Bambino Gesù", a Betlemme. Attualmente, la provincia della Morte e Risurrezione del Signore comprende le nostre missioni in Terra Santa (Israele e Palestina), Giordania, Siria e Cipro.
La Famiglia Religiosa fa diversi apostolati in questa provincia:

Oltre alla cooperazione nel Seminario del Patriarcato latino (lezioni, liturgia, direzione spirituale, esercizi spirituali), siamo responsabili di tre parrocchie: a Gaza (Palestina), Giordania e Cipro. Anche i nostri missionari a Beit Jala (Palestina) aiutano con le confessioni e la celebrazione della Santa Messa in Giordania.

Ad Aleppo (Siria) i nostri missionari sono responsabili dell'apostolato nella cattedrale latina, hanno una residenza per studenti universitari e aiutano molte famiglie in difficoltà.
A Betlemme, la casa "Bambino Gesù" accoglie bambini con disabilità e attualmente ospita circa 25 bambini e alcune donne. A Cipro, vi è un ospizio per le persone con malattie terminali. Le opere di misericordia attraggono molti volontari, ci sono molti casi di conversioni e alcuni hanno anche deciso di consacrarsi a Dio. Le opere di misericordia sono una grande testimonianza di Carità cristiana in luoghi nei quali la cultura è in gran parte islamica o ebraica, e, quindi, è spesso difficile per predicare il Vangelo.

Secondo le nostre possibilità, accogliamo e accompagniamo molti pellegrini in viaggio verso la Terra Santa. Nella parrocchia e santuario di Anjara, la cura dei pellegrini svolge un ruolo importante nell'apostolato, e in Giordania i nostri missionari si prendono anche cura dei detenuti nelle carceri.

Il 6 maggio 2010 la statua della Madonna del Monte di Anjara, Patrona della nostra provincia, pianse lacrime di sangue, come annuncio di quella che è stata erroneamente chiamata la "primavera araba".