Spiritualità

la nostra spiritualità è segnata dal mistero dell'incarnazione, nel quale trova vera luce il mistero dell'uomo (gaudium et spes, 22)

Italian

La nostra spiritualità 1  vuole rimanere ancorata al mistero sacrosanto dell'Incarnazione, il mistero del Verbo fatto carne nel seno della Santissima Vergine Maria. In questo modo possiamo dire che la nostra spiritualità deriva dalla Persona del Verbo e da sua Madre, affinché, nello Spirito Santo, possiamo unirci al Padre. Dall’approfondimento del mistero del Verbo Incarnato derivano tutti i principi della vita spirituale del nostro Istituto, come appare nel Direttorio di Spiritualità.

PRIMATO DI GESÙ CRISTO

Nelle nostre vite e azioni deve primeggiare “il nome, l'insegnamento, la vita, le promesse, il Regno, il mistero di Gesù di azareth, Figlio di Dio”2, vissuto in maniera tale da non anteporre niente al suo amore.

PREESISTENZA DELLA PERSONA DEL VERBO

Confessando l'eternità, distinzione e divinità della Seconda Persona della Santissima Trinità, vogliamo alimentare il desiderio di abbandonarci interamente alla volontà di beneplacito di Dio, nostro amore alla Trinità e agli uomini creati da Dio a sua immagine e somiglianza3.

IL MISTERO DEL VERBO INCARNATO

sotana_0.jpg

Vestizione novizi a San Rafael, Argentina

LA SUA PRIMA VENUTA per opera dello Spirito Santo nel seno della Vergine ci deve portare ad una somma docilità verso il medesimo Spirito e ad un amore profondo alla Madre di Cristo e Madre nostra. Fondati nel mistero dell'Incarnazione, operato dallo Spirito nella Vergine Maria, dobbiamo cantare sempre le misericordie di Dio4  perché “per l'Incarnazione del Verbo diventa credibile l'immortalità della felicità”5, dobbiamo avere chiara coscienza che senza Gesù Cristo niente possiamo 6, e dobbiamo tendere, con tutte le nostre forze, a progredire sempre nella virtù.

Gesù Cristo è il “Cammino” per andare al Padre e nessuno va al Padre se non per mezzo di Lui 7. È l'unico nome nel quale è stabilito che possiamo essere salvati (At 4,12). Colui che fa in modo che la Chiesa sia un “sacramento, ossia il segno e lo strumento dell'intima unione con Dio e dell'unità di tutto il genere umano”8. È colui che sostiene tutti i dogmi della Chiesa, dal momento che è “la verità che tutte le altre racchiude”9. È colui che mostra la supremazia e il peso dell'eternità su tutta la realtà temporale. Sapere che Gesù è il vero Dio ci deve spingere a praticare le virtù della trascendenza: fede, speranza e carità, a dare un'importanza insostituibile alla vita di preghiera e alla necessità delle purificazioni attive e passive del senso e dello spirito.

uncion de los enfermos_0.jpg

Unzione degli infermi

Farsi uomo è “il mistero primario e fondamentale di Gesù Cristo”10  e “Dio non fu mai così vicino all’uomo – e l’uomo mai così vicino a Dio – come proprio in quel momento: nell’istante del mistero della Incarnazione!”11. Sapere che Gesù è vero uomo ci deve portare a considerare che nulla di ciò che è autenticamente umano ci è estraneo sapendolo assumere 12ad amare in Lui ogni uomo e tutto l’uomo, a praticare le virtù mortificative dell’annientamento. Sapere che in Lui si uniscono indissolubilmente entrambe le nature ci deve muovere a riconoscere la doppia realtà di grazia e natura, senza confonderle, a praticare le virtù apparentemente opposte, senza cadere in falsi dualismi, assumendo il superiore ciò che è inferiore. Saper cercare sempre la maggior gloria di Dio e la salvezza di tutti gli uomini, che è il fine dell'Incarnazione.

LA SUA VITA TERRENA. Dal primo istante dell’incarnazione ci da esempio d’offerta sacerdotale al Padre, esempio che dobbiamo imitare; nel seno di Maria siamo già presenti noi per il principio di koinonia, che ci insegna a dipendere totalmente da sua Madre; nella sua Vita occulta ci insegna a crescere, a lavorare, a stare in silenzio, a stare sottomessi13, a vivere con allegria festiva 14; tutte le sue parole e tutte le sue azione sono alimento per la nostra spiritualità.

LA SUA DIPARTITA DA QUESTO MONDO. In modo speciale, il mistero Pasquale di nostro Signore è fonte inesauribile di spiritualità. La sua passione, morte, discesa negli inferi, Risurrezione devono illuminare sempre le nostre vite. Dobbiamo specializzarci nella sapienza della croce, nell'amore verso la croce e nell'allegria della croce.

LA SUA VITA GLORIOSA. Il fatto meraviglioso che Cristo è risuscitato ci deve portare a vivere come risuscitati, a vivere secondo la Legge Nuova – lo Spirito Santo–, la libertà dei figli di Dio propria dell'uomo nuovo, con immensa allegria, specialmente la domenica, sapendo far festa, con grande impegno per la missione.

santa mision3_0.jpg

Missione popolare

LA SUA VITA MISTICA. È la meraviglia della Chiesa, Corpo di Cristo, alimentata dalla Parola di Dio, Una, Santa, Cattolica, – missionaria ed ecumenica – , Apostolica, arricchita e appoggiata dalle tre cose bianchedella Chiesa: l'Eucaristia che prolunga, per mezzo del sacerdozio cattolico, l'Incarnazione sotto le specie del pane e del vino; la Santissima Vergine Maria, che diede il suo sì affinché dalla sua carne e dal suo sangue il Verbo si facesse carne15; e il Papa, presenza che incarna la Verità, la Volontà e la Santità di Cristo”16.

LA SUA SECONDA VENUTA. La certezza che il Signore sta arrivando e che stiamo camminando verso di Lui. Un giorno tornerà in potere e maestà, risusciterà i morti, presidierà al giudizio finale e all'innovazione dell'universo.

In fine, vorremmo che la nostra spiritualità si potesse sintetizzare nel seguente modo:

virgen de lujan y misa - Copy_0.jpg

Benedizione Eucaristica,  San Rafael

No, Gesù o Maria; no, Maria o Gesù.

Né Gesú senza Maria; né Maria senza Gesù.

No solo Gesù, anche Maria;

né solo Maria, anche Gesù.
 

Sempre Gesù e Maria; sempre Maria e Gesù.

A Maria per Gesù: Ecco la tua Madre (Gv 19,27).

A Gesù per Maria: Fate quello che vi dirà (Gv 2,5).

Prima, Gesù, il Dio-uomo;

ma dopo Maria, la Madre di Dio.
 

Lui, Capo; Ella Collo; noi, Corpo.

Tutto per mezzo di Gesù e di Maria; con Gesù e con Maria;

in Gesù e in Maria; per Gesù e per Maria.
 

In fine, semplicemente: Gesù e Maria; Maria e Gesù.

E per Cristo, al Padre, nello Spirito Santo.

 

 

 


1 Costituzioni, 36-47.

2 Paolo VI, Evangelii nuntiandi, nº 22.

3 Cf. Gen 1, 26.

4 Cf. Sal 89,1.

5  SANT'AGOSTINO, De Trinitate, XIII, 9.

6 Cf. Gv 15,5.

7 Cf. Gv 14,6.

8 LG, 1.

9  GIOVANNI PAOLO II, Allocuzione, nella visita al Pontificio Ateneo Antonianum di Roma, ai professori e agli alunni (16/01/1982), 5; OR (31/01/1982), p. 19.

10  GIOVANNI PAOLO II, Allocuzione domenicale (06/09/1981), 1; OR (13/09/1981), p. 1.

11  GIOVANNI PAOLO II, Allocuzione domenicale (02/08/1981), 2; OR (09/08/1981), p. 1.

12  “non fu redento quel che da Cristo non fu assunto”, cf. AG 3, nota 15.

13 Cf. Lc 2,51.

14 Cf. Lc 2,42.

15 Cf. Gv 1,14.

16 Costituzioni 12

Qual’è lo scopo dell’Istituto del Verbo Incarnato?
Evangelizzazione della cultura per estendere l’incarnazione del Verbo…
Clicca qui per saperne di più.
Qual è il carisma dell’istituto del verbo incarnato?
Vogliamo rendere ogni uomo come una nuova incarnazione del verbo…
Clicca qui per saperne di più.
Scopri di più sulla spiritualità del nostro istituto
La nostra spiritualità è segnata dal mistero dell’Incarnazione, nel quale trova vera luce il mistero dell’uomo...per saperne di più
clicca qui.
La consacrazione a Maria completa la nostra offerta totale a Cristo in un atto supremo di sottomissione…
Clicca qui per saperne di più.
Conosci il fondatore dell’istituto del verbo incarnato
Padre Carlos Miguel Buela è nato a Buenos Aires il 4 Aprile 1941, ed è stato ordinato sacerdote nel 1971…
Clicca qui per saperne di più.
Scopri di più sulla presentazione del nostro istituto
Fondazione e primi anni. Processo Canonico. Espansione. Il dono di 30 nuovi “tabernacoli”. Anno di misericordia, anni di misericordia…
Clicca qui per saperne di più.
Cosa fa di un sacerdote un missionario dell’istituto del verbo incarnato?
Il sacerdote missionario è un uomo consacrato che ha risposto alla chiamata di Cristo alla missione nel Vangelo di Marco: “andate in tutto…"
Clicca qui per saperne di più.
Come si fa a vivere da contemplativa?
totale dedizione alla preghiera, alla meditazione e alla contemplazione dei misteri di Dio.
Clicca qui per saperne di più.
Visita le nostre case dove i futuri sacerdoti vengono formati: il seminario maggiore
“Il seminario, o casa di formazione, è il luogo dove il futuro sacerdote missionario riceve la “triplice formazione”…
Clicca qui per saperne di più.
Visita le nostre case dove i futuri sacerdoti vengono formati: il seminario minore
“La vocazione al sacerdozio ha spesso una prima manifestazione negli anni dell’infanzia e nei primi anni della giovinezza”…
Clicca qui per saperne di più.
Nel Vangelo, Gesù ha invitato alcune persone a seguirlo, come gli Apostoli. Anche ora, non smette di chiamare al sacerdozio…
Clicca qui per saperne di più.
Scopri cosa facciamo nel nostro apostolato
L’oggetto della nostra azione apostolica è tutto ciò che forma Cristo negli uomini e porta le anime alla salvezza eterna…
Clicca qui per saperne di più.
Scopri di più sulle nostre opere di carità
Le opere di carità sono un importante apostolato svolto dall’IVE…
Clicca qui per saperne di più.
Leggi qualcosa sulla missione popolare dell’IVE
Un modo semplice di predicare il Vangelo alle persone, cercando la conversione dei peccatori…
Clicca qui per saperne di più.
Alcuni giorni di ritiro e di silenzio, per rimuovere le passioni disordinate e vivere secondo la volontà di Dio…
Clicca qui per saperne di più.
Scopri l'importanza che ha nell'IVE il lavoro con i mezzi di comunicazione
Il nostro scopo è l'evangelizzazione della cultura, e in una cultura fortemente segnata dai mezzi di comunicazione, è necessario essere all'avanguardia in questo campo...
Clicca qui per saperne di più.
È possibile trovare le ultime notizie sulle nostre missioni e attività in tutto il mondo.
Clicca qui per visitare il nostro notiziario.